chi sono

andrea-ferrero

Wenn wir Kinder sind wir alle machen viele Träume über unsere Zukunft und sich vorstellen,,,it,Vielleicht damals wusste ich noch nicht bewusst, was ich treffen würde,,it,Vielleicht ist dies meine Unkenntnis meiner sprichwörtlich gemischten Positivität und Optimismus hat mich nicht verzweifeln traf nur das schreckliche Urteil Augenarzt,,it,niemand kann Ihnen mit absoluter Sicherheit sagen, ihren Kurs,,it,Er tat das Radio erfüllen, die eine fantastische Erfahrung erwiesen,,it,Wir müssen engagieren,,it,oder Glück ist etwas, das dort über Behinderung oder um mich geht es mehr deaktiviert, als ich dachte,,it,glücklich sein bedeutet, sich gut zu fühlen,,it,Ich weiß nicht, wenn Sie mit den physischen Augen sehen ich mit denen des Herzens mehr sehen,,it: c’è chi vuole fare il poliziotto, chi l’astronauta, la velina, la ballerina, l’avvocato, la farmacista, l’impiegato alla regione ma nessuno si immagina il proprio futuro con la disabilità! Nella mia famiglia non c’era familiarità con la disabilità, e così quando a 27 anni nel 1998 der Augenarzt diagnostiziert mich als Retinitis pigmentosa, alles hat sich geändert!

A dir la verità io non mi sono arrabbiato, non mi sono depresso, spaventato disperato, forse all’epoca non mi rendevo ancora ben conto a cosa stessi andando incontro! Il mondo della disabilità visiva era per me, come per la mia famiglia, completamente sconosciuto! Eine Welt, bekannt nur vom Hörensagen, ma nulla più! Forse questa mia ignoranza mischiata alla mia proverbiale positività e ottimismo non mi ha fatto disperare appena conosciuta la sentenza terribile dell’oculista! Mi sono aggrappato alla difficoltà di fare una previsione medica, di non sapere i tempi e modi in cui la RP si sarebbe evoluta, se e quando sarei arrivato alla cecità assoluta, capolinea della retinite!

Come accade alla stragrande maggioranza delle malattie genetiche, nessuno può dirti con assoluta certezza il loro decorso, so verließ ich mich auf diese und dann hoffte ich, in der wissenschaftlichen Forschung, però nonostante il mio ottimismo, la mia voglia di normalità la RP piano piano ha continuato a camminare. Ich entdeckte, dass die Krankheit geht schneller und schneller Forschung und sein in einer guten Stimmung, positivi, ottimisti aiuta ma non basta a contrastare la degenerazione della malattia. Non sono incazzato con Dio, non sono arrabbiato con i miei genitori, con la sfiga o con la sorte! Ho sempre pensato che trovare il perchè della RP fosse solo una perdita di tempo e non un modo per accettarla! E’ accaduto punto e basta! La RP non mi ha cambiato la vita, aber nur zwang er mich zum Umdenken, neue Strategien finden, um auch weiterhin zu tun, was ich als blinder Mensch hat oder viele Dinge zu tun, die ich hätte nie gedacht, blind zu sein zu können und Know-how! Sono un ragazzo fortunato perchè ho una moglie, una roccia, che mi supporta e mi sopporta, ho una bella famiglia su cui so di poter sempre contare, ho diversi amici, ein Leben der Freundschaft und normale soziale Beziehung, lavoro come impiegato amministrativo in un’azienda vicino Cagliari, da die Technologie ermöglicht es mir, den Computer als eine sehende verwenden, faccio attività sportiva, palestra e piscina, und dann eine Menge von Sensibilisierungsmaßnahmen sowohl in den Sitzungen und Konferenzen, sondern auch im Radio! Die RP hat mich, dass meine Seite des Communicators entdecken, mi ha fatto incontrare la radio che si è rivelata una fantastica esperienza! Credo molto nella rete di relazioni; la condivisione è un valore! Nessuno è un’isola, ma siamo arcipelaghi, tutti abbiamo bisogno degli altri, e gli altri hanno bisogno di noi! Bisogna mettersi in gioco, perchè la cosa peggiore nella disabilità è l’ignoranza! Il non conoscere crea diffidenza e la diffidenza crea il pregiudizio, quindi tutti siamo chiamati a fare opera di sensibilizzazione e di evangelizzazione laica. Molto spesso intorno alla disabilità, soprattutto quella visiva, si fa molta cattiva informazione, si creano falsi miti, false credenze e falsi mostri! Basta usare un telefono, un tablet, un lettore MP3 o un computer che subito nasce il sospetto! Sarà un vero cieco o un falso cieco?

Io sono felice, ho gli alti e bassi che hanno tutte le persone, non credo che il discriminante tra essere felici o tristi sia nella mia disabilità! Perchè altrimenti chi non è disabile dovrebbe essere sempre felice, e non mi pare di essere circondato da tantissime persone felici, o la felicità è qualcosa che va oltre la disabilità oppure intorno a me ci sono più disabili di quanto pensassi! Essere felici significa stare bene, perciò si può stare bene anche avendo una malattia degenerativa progressiva e attualmente incurabile!

La società mette etichette su tutto, così io sono disabile, handicapato, cieco, disabile visivo, diversamente abile. Aber es ist nicht so; Ich fühle mich einfach ich Andrea! Andrea con un mondo, con un universo dentro, ho anche la retinite, però io non sono la retinite, e la retinite non è aggrappata a me! Capisco che il buio faccia paura, però quando vivi con la sorella retinite capisci che c’è di peggio! Cresciamo in un mondo molto visivo, pensiamo di poterlo conoscere solo attraverso la vista e perderla ci fa molta paura! però vi assicuro che possiamo conoscere la realtà anche attraverso gli altri sensi! non ho superpoteri, definitiv kein Superheld, sondern die Welt mit Geschmack zu wissen, Geruch Hören und Fühlen Sie nur das Bewusstsein und das Bewusstsein haben! Nessuno nasce imparato, si tratta solo di provarci! di fare un percorso di consapevolezza!

Non so se la retinite mi abbia migliorato, fatto crescere, io so solo che mi ah reso diverso rispetto a quando ci vedevo! poi non so se migliore o peggiore! non so se non vedendo con gli occhi fisici vedo più con quelli del cuore, non so se mi ha reso più sensibile o più stronzo! so solo che sono Andrea con tutte le sue debolezze e i suoi punti di forza! con il suo sorriso e le sue lacrime! con le gioie e i dolori, sono andrea immaturo, perfetto, fanciullesco, ottimo, cinico,ironico, petulante, maturo, riflessivo, simpatico, cortese, maleducato, frignone ….. e seguendo questo mio sito vi renderete conto di tutto! che per dirla come Pirandello io sono uno, nessuno e centomila!